COORDINATORI

CANZONE

Sezione coordinata da

TOSCA

http://static.wixstatic.com/media/4e6dda_848e9a0e36c141a29ee295f37e8f1889.pngfb-icon

www.tizianatoscadonati.it

Cantante, attrice eclettica, ricercatrice musicale e sperimentatrice, da sempre affascinata dalle musiche tradizionali di tutto mondo, TOSCA inizia il suo percorso artistico con Renzo Arbore. Nella sua carriera collabora con i nomi più importanti della canzone italiana e internazionale tra i quali RENATO ZERO, RICCARDO COCCIANTE, LUCIO DALLA, ENNIO MORRICONE, NICOLA PIOVANI, IVANO FOSSATI, CHICO BUARQUE e RON; con quest’ultimo nel ‘96 vince anche il FESTIVAL DI SANREMO. Incide dieci dischi tra cui “L’altra Tosca”, raccolta delle sue importanti collaborazioni e “Incontri e Passaggi” che le vale la TARGA TENCO come migliore interprete. Tra i vari spettacoli della sua carriera teatrale invece ricordiamo: I monologhi della vagina, Romana – Omaggio a Gabriella Ferri, Gastone, La strada, Musicanti, Il borghese gentiluomo, Zoom spartito cinematografico, Italiane, Semo o nun semo, Esperanto,‘Sto core mio – Notturno napoletano per Roberto Murolo. Nel settembre del 2014 esce il suo nuovo lavoro discografico “IL SUONO DELLA VOCE” edito da Sony Classical e nello stesso anno debutta con lo spettacolo “Il Suono della Voce, Confini e Sconfini di un Viaggio in Musica”. A seguire viene nominata coordinatrice della sezione Canzone dell’Officina delle Arti PierPaolo Pasolini. Tale ruolo di forte responsabilità sociale e culturale le vale l’appellativo di “pasionaria della musica cantautorale indipendente”, datole da alcuni addetti ai lavori per rimarcare il suo impegno come guida nella formazione di giovani artisti.

Nel marzo del 2015 debutta con lo spettacolo teatrale “Il Grande Dittatore” tratto dal film di C. Chaplin. Nel 2016 Tosca è la prima artista italiana donna ad essere invitata ad esibirsi sul prestigioso palco del festival internazionale “Jazz à Carthage” in Tunisia, e all’ Auditorium de Radio Algérienne di Algeri; entrambi i concerti ottengono un ampio consenso di pubblico e critica. Il suo impegno le viene riconosciuto in agosto, quando viene chiamata ad inaugurare il Meeting di Rimini con uno concerto da lei ideato insieme a Massimo Venturiello, che vede la partecipazione speciale delle cantanti Mirna e Tania Kassis, rispettivamente siriana e libanese. Un grande concerto di Pace.
Attualmente è impegnata in un’intensa attività di live che accompagna al costante coordinamento dei giovani artisti selezionati al biennio formativo della Regione Lazio, Officina delle arti Pier Paolo Pasolini, e a periodi di studio e ricerca in giro per il mondo, per i suoi progetti paralleli.

TEATRO

Sezione coordinata da

MASSIMO VENTURIELLO

http://static.wixstatic.com/media/4e6dda_848e9a0e36c141a29ee295f37e8f1889.png

Massimo Venturiello ha studiato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico negli anni 1979/82. Protagonista di opere importanti, è da sempre impegnato sul fronte del teatro contemporaneo e classico: Da American Buffalo, di David Mamet a True West di Sam Shepard, da La putta onorata, di Carlo Goldoni a Jacques e il suo padrone di Milan Kundera , da Timone D’Atene, di William Shakespeare, a opere come La musica in fondo al mare, di Marina Confalone e La notte poco prima della foresta di Bernard-Marie Koltes. Uno dei maggiori successi, al fianco di Valeria Moriconi, è La rosa tatuata di Tennessee Williams, diretto da Gabriele Vacis e soprattutto il Masaniello, diretto da Armando Pugliese, entusiasticamente accolto da pubblico e critica. Al 2002 risale lo shakespeariano La Bisbetica domata, mentre nel 2004, al Teatro Stabile di Palermo, viene messa in scena L’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht, in cui Massimo Venturiello veste i panni del famoso Mackie Messer. Venturiello è inoltre regista della commedia di Edoardo Erba Muratori e dell’opera lirica contemporanea di Matteo D’Amico Dannata Epicurea. Nel 2006 fonda, con Tosca, l’OFFICINA TEATRALE, una compagnia teatrale che produrrà i suoi spettacoli più recenti, tra questi Gastone, di Petrolini, di cui è interprete e regista.
Nel 2009 interpreta e dirige La Strada, dal film di Federico Fellini, per il quale vince il premio “Olimpico” per il teatro come migliore regia, migliori musiche e costumi. Nel 2011 interpreta e dirige Il Borghese Gentiluomo, di Molière, ancora in tournée. Nel 2013 interpreta e dirige Barberia di Gianni Clementi. Per il cinema e la televisione ha lavorato con molti registi; tra questi: Gabriele Salvatores, I fratelli Taviani, Ettore Scola, Sandro Bolchi, Carlo Vanzina, Maurizio Ponzi, Carlo Lizzani, Giuseppe Bertolucci, Nikita Michalkov, Sergio Rubini. Per quanto riguarda la formazione, nel 2011 dirige con Tosca un corso per attori indetto dalla Provincia di Roma. Gli allievi saranno poi protagonisti del suo Borghese Gentiluomo. L’anno dopo, sempre per la Provincia di Roma, tiene un’altra serie di lezioni dedicate ad attori e cantanti, dal titolo Barberia, per allievi prevalentemente under 18. Nel 2013 invece approfondisce Bertolt Brecht e la sua Opera da tre soldi. Da questo corso nasce un altro spettacolo che vede come interpreti gli stessi allievi attori. Nel 2015 dirige e interpreta la prima trasposizione teatrale del capolavoro di Chaplin Il Grande Dittatore.

MULTIMEDIALE

 

Sezione coordinata da

SIMONA BANCHI

http://static.wixstatic.com/media/4e6dda_848e9a0e36c141a29ee295f37e8f1889.png fb-icon  twitter-icon skype-icon

Simona Banchi nasce a Parigi nel 1965. Studia all’Università “La Sapienza” di Roma Lettere con indirizzo spettacolo e dal 1995 svolge l’attività di produttore, organizzatore e curatore nell’ambito dei settori culturali teatro, televisione e cinema. Nell’ambito teatrale ha seguito la produzione di numerosi spettacoli e allestimenti facenti capo al gruppo del Teatro Ambra Jovinelli, occupandosi anche del management e della produzione di molti artisti. Fra questi ci sono Tosca, Ron, Fiorella Mannoia, Corrado Guzzanti, Sabina Guzzanti, Nicola Piovani. Dal 2005 al 2010 ha curato la produzione della collana di dvd + libri “Senzafiltro”, edita da Bur Rizzoli producendo circa 40 titoli. Ha seguito la produzione e i contenuti di molti programmi televisivi, fra i quali l’Ottavo Nano, Il Caso Scafroglia, Raiot, Non c’è problema, Aniene. 

Negli ultimi anni ha ampliato l’esperienza del settore audiovisivo producendo diversi film e documentari (La fabbrica dei tedeschi, Fascisti su marte, Viva Zapatero, Le ragioni dell’aragostaDraquila, 148 Stefano) che hanno partecipato ai principali festival di cinema nazionali e internazionali vincendo premi e riconoscimenti. E’ coproduttore del film argentino Sangre en la boca di Hernan Belon, vincitore di due premi di  Premier Corte al Ventana Sur 2015 . E’ autore del programma per Radio 2 “Italiani in continenti”. Dal 2010 fa parte del comitato artistico del Teatro Ambra alla Garbatella.